Primo: non maltrattare. Storia della protezione degli animali in Italia

Primo: non maltrattare. Storia della protezione degli animali in Italia
Giulia Guazzaloca
Editori Laterza , 2018

Turin 1871: the first association for the protection of animals in Italy is created. Other cities will follow the example. This was the beginning of Italian animal advocacy, a story that went throughout the 20th century to our days. The book describes the origins of animal protection movements, the first anti-cruelty laws, the presence of animals during the Great War, their national protection during Fascism, the post-war revival of the protection associations, the animal turn during the second half of the 20th century, the debate on vegetarianism, vivisection, welfare and rights. Humans are actually the real protagonists rather than the animals in this story full of alternating pioneering laws, societal progresses and regresses. With this book, Giulia Guazzaloca, Professor of History at the University of Bologna, has given an original contribution to the reconstruction of the events that for over a century have been the interest of a part of Italian society who made the ideal “do not abuse” its commitment to improve the condition of animals. 

 

ITALIAN

Torino 1871: nasce la prima società di protezione degli animali in Italia. Altre città seguiranno l’esempio. È l’inizio della tutela degli animali in versione italiana, una storia che attraversa il XX secolo per giungere ai nostri giorni. Il libro descrive le origini dei movimenti di protezione degli animali, l’adozione delle prime leggi anti-crudeltà, la presenza degli animali durante la Grande Guerra, la loro protezione statale durante il Fascismo, il risveglio delle associazioni di protezione nel Dopoguerra, la svolta animalista durante la seconda metà del XX secolo, il dibattito su vegetarianismo, vivisezione, welfare e diritti. Più che gli animali, sono gli umani i veri protagonisti di questa storia, in cui leggi pioniere, progressi e regressi sociali si sono avvicendati. Con questo libro, Giulia Guazzaloca, professoressa di Storia dell’Università di Bologna, ha dato un contributo originale alla ricostruzione delle vicende che per oltre un secolo hanno riguardato quella parte della società italiana che ha fatto del “non maltrattare” il suo impegno per migliorare la condizione degli animali.

Share with